Perché chiedere una consulenza sessuologica?

Per chiarire i dubbi
Falsi miti, disinformazione e la mancanza di un'educazione sessuale possono far vivere una sessualità insoddisfacente. La giusta informazione può fare la differenza in alcune problematiche sessuologiche.

Per individuare e trattare le disfunzioni sessuali
Calo del desiderio, disfunzione erettile o mancanza di lubrificazione, eiaculazione precoce o ritardata, anorgasmia, dolore alla penetrazione e vaginismo, sono tutte disfunzioni che, se correttamente individuate, possono essere trattate con terapie specifiche e brevi.

In particolari fasi di vita
Cambiamenti fisiologici a seguito di operazioni o patologie, gravidanza e nascita di un figlio, menopausa e terza età... Sono tutte situazioni in cui il benessere sessuale viene messo alla prova e può valere la pena rivolgersi al sessuologo per un sostegno in quella particolare fase di vita.

Per migliorare l’intimità di coppia
Può succedere che si faccia fatica a trovare un’intesa sessuale, oppure che questa venga perduta fino a non avere più rapporti con il/la proprio/a partner. Ritrovare l'intesa è possibile attraverso un percorso con un esperto.

Per poter parlare di sessualità
Non esiste un'età più adatta, o una questione più importante di altre: si può richiedere una consulenza sessuologica quando un qualunque aspetto della sessualità che crea disagio e sofferenza nel singolo e nella coppia. Vivere una sessualità soddisfacente è un diritto universale che va coltivato giorno dopo giorno, imparando a conoscere noi stessi e il nostro corpo, nel rispetto della sensibilità di ognuno.