Fattori di rischio
5 Marzo 2019
Chi deve fare la visita senologica?
7 Marzo 2019

L’ecografia mammaria

L’ecografia mammaria (al seno) è un’indagine diagnostica non invasiva che utilizza gli ultrasuoni – onde sonore ad alta frequenza innocue per il corpo umano e i suoi tessuti – per studiare la ghiandola mammaria ed eventuali sue alterazioni patologiche. Si tratta di un esame che affianca e non sostituisce gli altri esami clinico-strumentali mammari quali la visita senologica e la mammografia ed è soltanto l’associazione delle varie metodiche che ci permette di escludere con relativa sicurezza la presenza di una patologia mammaria.

A che cosa serve l’ecografia mammaria
L’ecografia mammaria è un esame importante per la diagnosi delle malattie della mammella, siano esse patologie benigne come cisti, fibroadenomi, mastopatia fibrocistica oppure maligne come i tumori. Le mammelle sono formate da una porzione ghiandolare (da cui originano i tumori), da grasso e tessuto fibroso. Nelle donne giovani prevale la componente ghiandolare mentre con il progredire dell’età questa parte si riduce a favore della componente adiposa e fibrosa. È quindi un esame particolarmente indicato per le donne sotto i 40 anni anche se insieme alla mammografia la sua utilità resta intatta anche in età molto più avanzata.

Come si svolge l’ecografia mammaria
Per eseguire l’ecografia mammaria, la paziente viene invitata a sdraiarsi su un lettino. Viene spalmato del gel sulla pelle della mammella e attraverso una sonda si procede a eseguire scansioni perpendicolari e a raggiera su tutta la superficie da esaminare. La sonda è collegata all’ ecografo, che funziona in base al principio della trasmissione di onde ultrasonore e trasforma in immagini gli echi delle onde che colpiscono la ghiandola.

Durata dell’ecografia mammaria
L’ecografia mammaria dura mediamente 15/20 minuti.

Norme di preparazione dell’ecografia mammaria
Non sono previste preparazioni specifiche per l’esecuzione dell’ecografia mammaria. L’invito per le pazienti è quello di portare con sé i risultati delle ultime ecografie o mammografie eseguite, così che il medico possa valutare eventuali anomalie rispetto al passato.

Controindicazioni dell’ecografia mammaria
L’ecografia mammaria non ha controindicazioni. L’emissione degli ultrasuoni necessaria per l’esecuzione dell’esame non provoca danni all’organismo umano, nemmeno quando si tratti di persone che si trovano in una situazione di particolare sensibilità (come è il caso, ad esempio, delle donne in stato interessante).