La prostata
26 Febbraio 2019
La spesa di Marzo, arrivano gli agretti.
5 Marzo 2019

Gli ormoni

Gli ormoni, e in particolare gli estrogeni, hanno un ruolo fondamentale nel regolare i processi legati alla fertilità e possono influenzare il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro in particolare quello mammario. Tutto comincia con il primo ciclo mestruale che determina profondi cambiamenti mensili nel corso del periodo fertile e fino all'avvento della menopausa, che instaura nuovi equilibri ormonali. Ogni fase della vita della donna è dunque caratterizzata da un preciso quadro ormonale e quindi anche il rischio di tumore cambia con l'età.

Tra i 20 e i 40 anni, per esempio, l'utilizzo della pillola contraccettiva e le eventuali gravidanze sono gli eventi più importanti dal punto di vista ormonale. In particolare gli ormoni assunti con la pillola potrebbero diminuire il rischio di tumore ovarico (di cui sono, di fatto, l'unico mezzo preventivo) a costo di un lievissimo aumento del rischio di tumore al seno (più con le vecchie pillole ad alto dosaggio che con quelle attuali, a basso dosaggio), mentre le gravidanze, che generano un blocco della produzione di estrogeni, hanno un effetto protettivo sul tumore del seno e dell'ovaio. Anche gli ormoni assunti per le cure contro l'infertilità influenzano il rischio di sviluppare tumori della mammella (senza per questo dover essere abbandonati). E’ però importante che ogni volta che ci si avvicina ai trattamenti ormonali a scopo fecondativo vengano programmati controlli senologici (clinico-strumentali) regolari sia prima che dopo le procedure fecondative.

La fascia di età compresa tra i 50 e i 60 anni è in genere caratterizzata da un vero e proprio terremoto dal punto vista ormonale: la menopausa. Le ovaie smettono di produrre ormoni e quindi l'organismo è meno esposto all'azione degli estrogeni, in genere responsabili di un aumento del rischio di cancro. In questo senso la terapia ormonale sostitutiva a base di estrogeni, utilizzata per contrastare gli effetti negativi della menopausa (per esempio vampate di calore e osteoporosi) sembra essere un fattore di rischio per alcuni tumori come quello del seno. Anche in questo caso è importante quindi che quando vengano effettuati (ad esempio in caso di importante sindrome climaterica cioè i sintomi della menopausa o in presenza di una peggiorata qualità della vita della paziente) controlli senologici clinico-strumentali regolari.