EMDR. Cosa accade nel cervello dopo un trauma?

EMDR: cos’è?
21 dicembre 2017
Studi di neuroimaging sull’EMDR
21 dicembre 2017

EMDR. Cosa accade nel cervello dopo un trauma?

Per guarire la nostra mente mette in campo le proprie risorse, i propri rimedi e i propri meccanismi per difendersi. Perché, esattamente come siamo dotati di un sistema immunitario che provvede a guarirci da ferite fisiche, vi è anche un naturale sistema che provvede a risanare le ferite della psiche.

Gli eventi traumatici, in questi casi, non vengono cancellati ma rielaborati in modo adattivo, permettendoci di andare avanti, spesso con risorse aggiuntive che ci serviranno per affrontare anche altre difficoltà. Il passato, in questo caso, resta nel passato e noi possiamo proseguire nel nostro percorso e progetto di vita.

Purtroppo però, quando un trauma rimane irrisolto, diventa parte di un circolo vizioso di emozioni, pensieri e sensazioni corporee che spesso avvertiamo come molto disturbanti e inficianti. Si è visto che i ricordi traumatici sono immagazzinati nel cervello in modo diverso rispetto a quelli non traumatici. I primi, infatti, si collocano soprattutto nell’emisfero destro, separati dai ricordi positivi come se fossero congelati in uno spazio e tempo diversi dal resto dei nostri vissuti.

Qui continuano ad agire ma queste cicatrici sono in realtà il ricordo di ciò che è successo.