Riabilitazione sportiva con lo shock termico

23 SETTEMBRE 2017:
11 settembre 2017
L’importanza del cicloergometro nella visita medico sportiva.
28 settembre 2017

Riabilitazione sportiva con lo shock termico

  • Valido aiuto al defaticamento post gara
  • Post infortunio: più rapida decongestione e riduzione del dolore in traumi articolari
  • Utilizzabile anche nell’immediato post-operatorio per limitare edema  e dolore.

Non ha grosse controindicazioni perché non usa onde elettromagnetiche, a differenze di altre terapie fisiche;  per questo motivo è possibile un uso quotidiano e un recupero più immediato della componente fisiologica.

Rapida escursione termica, a seconda del caso clinico, da -5 a +41 assicura rapida vasocostrizione e vasodilatazione.

Valido supporto affiancabile  alla fisioterapia per velocizzare i tempi di recupero. Abbinabile ad altre terapie fisiche (tecar, laser…).

Applicabile su qualsiasi distretto corporeo e muscolo.

COSA TRATTIAMO CON PIU’ FREQUENZA?

-          Distorsioni di caviglia e ginocchio, con o senza lesioni legamentose

-          Artrosi di anca e ginocchio

-          Borsiti

-          Tendiniti e infiammazioni da sovraccarico (epicondilite, tendinopatia achillea, tendinopatia cuffia dei rotatori, pubalgia)

-          Colpo di frusta

-          Lombalgia cronica

-          Traumi sportivi

Tempo di seduta: circa 20/30 minuti