PRP= platelet rich plasma

Progetto TUKIKI
5 dicembre 2016
La radiofrequenza nella MEDICINA DEL DOLORE
12 dicembre 2016

PRP= platelet rich plasma

Indicazione: articolazioni con artrosi elevata, lesione legamentose senza rottura completa

prp-1L’ iniezione endoarticolare o peritendineo del filtrato piastrinico autologo arricchito ha come scopo quello di liberare nella sede prescelta, articolazione artrosica appunto o tendine parzialmente lesionato, i fattori di crescita presenti nelle piastrine del filtrato.
L’ iniezione del filtrato inoltre possiede un effetto analgesico iniziale.
I fattori di crescita quindi consentono nel tempo una rigenerazione vuoi della cartilagine articolare vuoi del legamento lesionato ma non interrotto.

prp-1prp-2
Il protocollo utilizzato prevede un prelievo ematico che, con aggiunta di citrato come anticoprp-3agulante, viene prima centrifugato e poi separato in modo da ottenere un gel estremamente ricco di piastrine che viene quindi iniettato nell’ articolazione o lungo il legamento
Tale metodica va quindi ripetuta dopo 15 gg circa per altre 2 volte e, nel caso di iniezione articolare, dopo altri 15 gg si procederà ad una infiltrazione con acido ialuronico ad elevato peso molecolare.
Dopo 2-4 mesi il paziente verrà rivalutato per decidere se sia necessario e utile procedere alla ripetizione parziale o completa del protocollo.