FLEBOPATIE

NOVEMBRE: MESE DELLA PREVENZIONE UROLOGICA UOMO
3 ottobre 2016
VASCULOPATIA PERIFERICA
7 ottobre 2016

FLEBOPATIE

Il termine flebopatia (letteralmente malattia delle vene) viene comunemente usata per indicare le patologie che colpiscono le vene degli arti inferiori, e spesso assimilate alle più note varici degli arti inferiori.

flebopatieSi tratta comunque sempre di alterazioni della struttura delle valvole presenti all’interno delle vene, che normalmente impediscono al sangue contenuto di refluire in senso centrifugo: quando questa funzione viene persa, il sangue, ristagnando all’estremità, provoca danni da scarsa ossigenazione alla parete delle vene stesse, che si dilatano in alcuni punti, formando appunto le varici.
Queste patologie sono sempre evolutive, spesso comportando fenomeni flebo-trombotici di varia gravità ed estensione.
Questa patologia è nettamente prevalente nel sesso femminile, ma anche i maschi possono esserne colpiti. 
Le manifestazioni compaiono in genere dalla seconda decade di vita in poi, avendo un andamento ingravescente se non vengono adeguatamente trattate.

La sintomatologia è caratterizzata da:

  • Presenza di rigonfiamenti e tortuosità nel decorso delle vene degli arti inferiori, a volte accompagnati da dilatazioni della rete capillare (teleangectasie)
  • Sensazione di gambe pesanti e facile affaticabilità degli arti inferiori
  • A volte dolore locale (che in genere indica una flebite)
  • Alterazioni del colorito della cute (che assume sfumature rosso-scure) nelle zone di maggior ristagno venoso
  • Spesso edemi dei piedi e delle caviglie